binaire opties 60 seconden strategie I momenti che sta passando il PD non sono momenti facili, per nulla; tuttavia sono la prova di un fermento e di una vivacità che altre realtà politiche non hanno o hanno purtroppo dimenticato di avere. Prima di parlare però dei termini delle possibili novità sul campo, conviene ripassare alcuni punti fondamentali che nell’entusiasmo – o nell’attesa di qualcosa di nuovo, dimentichiamo spesso. Le avrei dette, queste cose, oggi al lingotto, se non avessi incontrato alle sette di mattina un simpatico camionista di Asenovgrad che mi ha distrutto la macchina tamponandomi e poi rifacendomi la fiancata dell’auto, costringendomi a passare la mattina tra poliziotti, carro attrezzi e medici.
Ma non divaghiamo. Dunque:
1. Un partito non è e non deve essere un insieme di persone che si amano, oppure un gruppo di amici. Questo non esclude ovviamente che esistano rapporti di affinità stretta tra alcuni, ma non si può e non si deve impostare la natura di un partito politico idealizzando un «idem sentire» che raramente esiste. Un partito politico è un gruppo di persone che condividono alcuni obiettivi comuni e un progetto di società (ma con visioni plurime che presentano anche grandi differenze), che si impegnano per raggiungerli decidendo al loro interno, con un congresso, quale parte è la più forte e quindi convincendo la maggior parte delle persone (degli elettori) sulla giustezza di questi obiettivi e sulla correttezza delle vie e dei metodi per raggiungerli.
2. Un partito deve avere un ricambio generazionale della dirigenza costante, non derivante dalla volontà dei leader in carica bensì dalla qualità delle proposte che i più giovani fanno confrontata con l’esperienza maturata dai più vecchi e scafati. Un partito che viva di delfini, di fenomeni, di miracoli leaderistici improvvisi è un partito che non ha un’anima chiara, che si affida al leaderismo d’occasione ma che non ha chiaro intorno a cosa questa possibile leadership viene costruita e si struttura.
3. Un partito è uno strumento per gestire il potere politico nazionale e locale che gli elettori periodicamente decidono di affidare a esso con le elezioni. Non dobbiamo mai dimenticarcelo poiché sono gli interessi, più che le idee, a tenere in sella esponenti di partito ormai decotti e che non hanno più nulla da dire o da fare. Ogni volta che si commette l’errore di pensare che le idealità siano superiori agli interessi ci troviamo in condizione di doverci poi stupire se una legge sul conflitto di interessi di Berlusconi non è stata fatta dai governi di centrosinistra, e se si è ancora ostaggi di linguaggi e di modi di fare politica che possono andare bene per un sindacato, non per un partito che vuole interpretare la società italiana ed europea contemporanea.

Sildenafil Citrate för kvinnor billigt Detto questo, si potrà capire perché della querelle su chi dovrà essere il futuro segretario del PD mi interessa solo la parte che si concentra sulle idee della persona candidata, mentre mi schifa il toto-segretario con la girandola di nomi che già in questi giorni comincia a circolare. Prima pagare, poi cammello, come dice Ivan Scalfarotto, e il «pagare» è: prima dicci le tue idee, le tue visioni, il tuo progetto, il tuo programma per gestire l’insieme delle relazioni economiche, sociali, culturali che compongono la società italiana, e poi io deciderò cosa fare, cercando di convincere chi mi è vicino o simile della giustezza di quanto proponi.
Di idee, visioni, progetti, io non ho ancora sentito parlare, a parte i giovani del Lingotto che dicono cose che già conosco e condivido ma che non esprimono ancora, a quanto pare, una posizione comune; vedo solo bagarre per decidere priorità di posti e occupazioni di posizioni preventive in vista del congresso.
Quando mi sono candidato al Parlamento per il PD, ho sentito la responsabilità e il peso di un atto politico; dopo aver visto che più di 4.000 persone hanno ritenuto di darmi il loro appoggio, continuo a sentire, aumentata, questa responsabilità. Quindi, come Ivan dico: prima pagare poi vedere cammello, intendendo con questo un invito a mettere sul piatto idee e convinzioni, progetti e visioni e vedere quanto si possono condividere e appoggiare. E visto che non si accetta il tutto e il contrario di tutto metto subito le mani avanti e dico che su alcuni temi non ci deve essere alcuna incertezza o alcun compromesso:
–    la difesa integrale dei diritti civili, quali sono riconosciuti nella Carta dei diritti dell’Unione europea
–    l’eliminazione di ogni discriminazione nei confronti delle persone GLBT e l’introduzione di unioni civili alternative al matrimonio eterosessuale,
–    la laicità dello Stato e delle sue istituzioni intesa come pari dignità delle confessioni religiose di fronte alle legge,
–    l’eliminazione del finanziamento statale delle confessioni religiose e delle loro attività, che devono essere sostenute volontariamente dai fedeli; eventuali attività caritatevoli e assistenziali per avere il sostegno statale vanno gestite tramite fondazioni che vedano la partecipazione nei cda di esponenti di nomina del governo nazionale o delle giunte delle regioni che ospitano tali attività, con il controllo parlamentare,
–    l’approvazione di una moderna legge sull’editoria tradizionale e televisiva, che sancisca l’incompatibilità totale tra la proprietà di attività di editoria e televisione e l’assunzione di incarichi nelle istituzioni,
–    la difesa dell’obbligatorietà dell’azione penale e il mantenimento dell’autonomia della magistratura rispetto al potere esecutivo,
–    la coscienza che in una società globalizzata la diversità culturale deve essere considerata un patrimonio e un volano di sviluppo e non un ostacolo; fatto salvo ovviamente il rispetto delle leggi vigenti e del diritti fondamentali garantiti alla persona.

viagra för kvinnor effekt Ecco, già solo su questi punti vorrei ascoltare qualcuno dei possibili «candidati» dire la sua e su questa base scegliere poi chi appoggiare. Ma se nessuno dovesse dir nulla, o preferisse passare il suo tempo a fare lavoretti di corridoio per promuovere questa o quella soluzione di vertice in vista del prossimo congresso, allora preferisco dire «no, grazie» e tornare a fare altro. Un partito che non sceglie di prendere posizione su questi temi, almeno su questi, è un sistema di pura gestione del potere, non una fonte di idee e di azione; è un partito morto, non un organismo vivo. E io, preferisco vivere.

opzione binarie demo prova Piero Graglia

Filled Under: Homepage

Un paese di puttane

Köp Viagra Norrköping (Kungsängen) C’è qualcosa di perverso nel modo in cui si sta affrontando – o meglio, non si sta affrontando – una nuova questione morale che emerge ed esonda dalle ultime notizie. A Palazzo Grazioli, residenza del Presidente del Consiglio, si sarebbero svolti festini a base di prostitute graziosamente concesse a Berlusconi e ai suoi amici e sodali; a Villa La Certosa, in Sardegna, l’occhio malizioso dei teleobiettivi documenta svaghi licenziosi ed erezioni di capi di governo stranieri (ah, la globalizzazione…) con soavi culetti all’aria stesi al sole. Di fronte a queste evidenze imbarazzanti, il presidente del Consiglio invoca la privacy e la libertà di fare quello che vuole e tutto il suo codazzo si adegua con aquiescenza.

köpa Sildenafil Citrate phuket Intendiamoci, le puttane esistono da sempre e si tratta di una professione liberale perfettamente lecita. Chiunque può vendere il proprio corpo e si punisce infatti solo chi guadagna da questo commercio, non chi lo fa direttamente. Ma le puttane non sono le ragazze che per 2000 euro accettano di ballare o di strusciarsi con i potenti. Le puttane, molto più scandalose e censurabili, sono i giornalisti, i direttori di telegiornale, i direttori di giornali che accettano questa deriva e questo sprofondamento della morale comune, accettando di tacere lo scandalo o, al limite, cercando di giustificarlo parlando di processi mediatici. Forse, sembrano suggerire, il sogno del maschio italiano medio è quello di essere parte attiva in questi festini, di poter condividere l’ebbrezza e la licenziosità di un baccanale fatto sotto lo sguardo dei bodyguard in una residenza di Stato. Quindi, perché parlarne? perché invocare una nuova questione morale quando si tratta solo di innocenti e normali espressioni di un potere che non è assoluto, ancora, ma che vorrebbe esserlo?

http://istore-buy.com/bestsellers/tastylia.html tastylia online Be’, queste sono le vere puttane da combattere e da censurare. Questi signori – e forse anche alcune signore, ho già qualche nome in mente – che ossequiano il potere in maniera oscena, che si imbarazzano quando sentono o vedono critiche al signore e padrone e che non sanno spendere una parola per informare il pubblico che compra i loro giornali, che guarda i loro programmi, che si affida a loro per crearsi un’opinione.

investire 10 euro con opzioni binarie In questo silenzio ssordante e imbarazzante, è la rete che svolge il compito di dire a tutti, anzi, urlare a tutti, che il re è nudo, che il presidente del Consiglio italiano è un personaggio patetico ridotto al punto di doversi procurare, nella sua frenesia sessuale impotente, ragazze a pagamento a iosa; che lo spessore morale del Paese sta precipitando a livelli paragonabili a quelli esistenti nella Roma di Caligola, dove tutto si accetta, tutto si giustifica, tutto si esalta come una sorta di applicazione sul campo del diritto divino del potere. In questo osceno sprofondamento, in questa orgia di servilismo, le puttane di regime sono  bene evidenti e individuabili, hanno nome e cognome, hanno funzioni e incarichi ben pagati: nessuno può dire che le responsabilità sono diffuse, che la colpa è del clima morale rilassato, che tutti hanno fatto il loro dovere, sempre, e che va tutto bene. Niente va bene, stiamo diventando un paese di puttane e, quel che è peggio, stanno cercando di abituarci a questo, di farci credere che è normale, che è giusto, e che ci deve piacere. A noi no, non piace, non piace affatto…

Filled Under: Homepage

Finis Barroso

handla Viagra pÃ¥ nätet Adesso pare che Barroso non vada più bene, e si fanno nomi diversi per la poltrona di presidente della Commissione. E’ bene che sia così: il parlamento deve poter esprimere una preferenza politica rispetto alla nomina della carica più importante della Commissione, pur rimanendo la nomina nelle mani dei governi nazionali. Ma a loro volta i governi non possono ignorare il fatto che il Parlamento esprima un orientamento maggioritario su tizio o su caio.

köpa Viagra över nätet Si tratta di una cosa molto ovvia e allo stesso tempo incredibile: un organo rappresentativo sovranazionale che orienta la decisione di organi esecutivi portatori di interessi nazionali. In una espressione, dialettica democratica europea allo stato nascente. Facciamoci l’abitudine.

Filled Under: Homepage

Gheddafi e Silvio

Ho visto Gheddafi, agghindato come un vigile urbano in servizio a una camera ardente; ho visto i suoi capelli tinti, i suoi baffetti scolpiti, la sua faccia liftata, le sue giovani ragazze scelte come guardie del corpo . E ho visto il Presidente del Consiglio, con il suo cerone, il suo sorriso al sidol, la sua faccia liftata e i suoi capelli finti, e le sue veline da dividere con Topolanek e con Paperinik. E ho riso. Perché ho capito di cosa hanno parlato i due durante i loro incontri. Di nulla.

Filled Under: Homepage

giu

13

Gasparri e i libri

Gasparri si offende perché il conduttore Luca Telese, dopo aver parlato del suo libro, lo ha lasciato cadere per terra. Gasparri, offeso, si alza e se ne va dallo studio, paragonando Telese ai nazisti. Non capiamo la reazione di Gasparri: dovrebbe essere lieto di avere pubblicato un libro (ammesso e non concesso che lo abbia scritto lui) e ritenersi pago del fugace successo e considerazione che gli viene concessa. Di tanti libri non si parla in televisione ma siamo sicuri che, se ce n’è uno degno di essere buttato con nonchalance in un angolo, questo è quello di Gasparri. Comunque lo scoop mondiale è un altro: Gasparri che si alza e abbandona uno studio televisivo non è una cosa normale: di solito fa a cazzotti per stare in video… Vuoi vedere che scrivere e cercare di articolare pensieri sulla carta gli ha fatto bene?

Filled Under: Homepage

giu

13

Grazie

Lo dovevo, un grazie, a tutti voi che mi avete sostenuto, aiutato, accompagnato.

Lo dovevo non nella forma, banalissima, del dire grazie tante volte quante sono le preferenze ricevute (lo stanno facendo un po’ tutti, eletti e non eletti), bensì nella forma singola.

GRAZIE

Perché avete creduto a quello che ho detto in campagna elettorale, e mi avete aiutato a dirlo meglio.

GRAZIE

Per la voglia di ascoltare non le solite manfrine trite e ritrite, ma anche qualche idea nuova.

GRAZIE

Per il calore con il quale tutti, ma specialmente i giovani, liguri, piemontesi e lombardi, hanno accolto questa figura nuova e fuori dai giochi politici.

Quasi tutti mi dicono che la cosa non deve finire qui, altri mi ammoniscono che si tratta di un’esperienza da capitalizzare. Vedremo.

Intanto il nano ha preso, come si dice in Toscana, una “tronata” (cioè è stato rintronato). Il PD ha qualche elemento in più sul quale riflettere per cessare di essere indeciso a tutto. Le anime giovani e attive del partito possono confrontarsi con uno scenario che ha visto il PD “tenere” la scena, senza scomparire.

Per adesso, questo è sufficiente.

4241 abbracci (scusate: non ce l’ho fatta a resistere :-)

Piero Graglia

Filled Under: Homepage

giu

10

Autopsia di una campagna elettorale

Adesso si può anche tirare il fiato. Stendere il cadavere sul tavolo settorio, mettersi una strisciata di canfora sotto il naso, incidere dallo sterno fino all’inguine e dare un’occhiata dentro per verificare quali organi non hanno funzionato a dovere.
La mia campagna elettorale è morta, e devo dire che è anche morta male, portando a casa solo 4.241 preferenze (4.209 in Italia, 32 dall’estero). Con i parametri consumistici in voga tra gli specialisti della comunicazione politica, prendere 4241 voti significa o contare poco, oppure avere fatto una campagna poco «virale», cioè avere colpito poco l’attenzione. Leggi il seguito »

Filled Under: Homepage

giu

7

Notte di passione

…Però la destra non sfonda in Italia. Vediamo e aspettiamo. Chi con il 5% dei dati pensa di poter discutere su dati “non confermati” fa proprio ridere…

Filled Under: Homepage

giu

6

A Cossato con Fassino, 5 giugno 2009

fassino1 fassino2 fassino3

Filled Under: Homepage

giu

6

La vigilia

Io credo in quello che faccio. Considerazione ovvia, ch̩ altrimenti non lo farei. Mi preparo alla vigilia del voto con la consapevolezza di avere fatto tutto quelloc he potevo per promuovere una candidatura Рla mia Рche non proviene dalla politica e non ̬ occasionale o episodica.

Ho studiato l’Europa e le idee che l’hanno creata, i suoi meccanismi e le sue contraddizioni per così tanti anni che oggi, dopo 40 giorni spesi a parlare veramente di cose europee, ho voglia di ricominciare, di raggiungere tutti quelli che non ho visto, di parlare con tutti quelli che hanno rifiutato un sorriso e una brochure, di fermare tutti quelli che si stringevano nelle spalle al solo sentire la parola “elezioni”. Leggi il seguito »

Filled Under: Homepage